Mostre 2015

Earthrise. Visioni pre-ecologiche nell’arte italiana (1967-73)

9999, Gianfranco Baruchello, Ugo La Pietra, Piero Gilardi
a cura di Marco Scotini
7 novembre 2015 – 6 marzo 2016

Il PAV approfondisce la propria indagine sulla genealogia del rapporto tra pratiche artistiche, mutazione sociale e produzione dell’ambiente, presentando un insieme di ricerche pionieristiche condotte in Italia negli anni cruciali attorno al ‘68. Un Sessantotto che non è solo quello della rivolta del movimento studentesco e dei lavoratori ma anche quello della celebre foto scattata da William Anders il 24 dicembre di quel fatidico anno. Una foto meglio nota come “Earthrise” appunto, da cui prende il titolo l’esposizione, e dove la Terra – isolata nello spazio cosmico – appare per la prima volta vista dalla Luna.

Comunicato stampa

Fotografia dell'allestimento della mostra, con in primo piano un tappeto-natura di Gilardi e le opere di La Pietra sullo sfondo


Grow It Yourself

Futurefarmers, Piero Gilardi, Inland-Campo Adentro, Myvillages
a cura di Marco Scotini
13 giugno – 25 ottobre

La mostra si concentra su alcune recenti esperienze internazionali di forme cooperative di riproduzione sociale e del comune: dalle pratiche collettive del farming, alle organizzazioni comunitarie, dal sistema delle fattorie, al crescente movimento degli orti urbani, l’esposizione raccoglie una serie di esperimenti in cui la produzione agricola, nell’autogestione delle risorse naturali e le sue conseguenze sulle politiche alimentari, traccia un rapporto costitutivo tra pratiche artistiche e abilità sociali. 
Gli esperimenti sociali raccolti in Grow It Yourself affermano, nelle loro articolazioni e nella messa in campo di micropolitiche al confine tra pratiche artistiche e arti rurali, come oggi l’agricoltura possa divenire terreno di resistenza a partire dal quale tessere soggettività collettive.

Comunicato stampa


Aggloville

Bert Theis
a cura di Marco Scotini
6 marzo – 31 maggio

Ampia personale dell’artista lussemburghese, che raccoglie maquettes, studi progettuali, video e digital print su tela, sviluppati nel corso di venti anni di attività, a partire dal Padiglione Potemkin Lock, concepito per la Biennale di Venezia del 1995.
 Temi come urbanesimo sostenibile, ecologia politica e gentrificazione sono al centro della ricerca artistica di Bert Theis che, da anni, cerca di contrapporsi allo sviluppo del modello urbano neoliberista in contesti geopolitici diversi, che vanno dall’Europa all’Asia Orientale.

Comunicato stampa

Panoramica dell'allestimento di Aggloville


Transizioni di fase



Gioberto Noro
22 gennaio – 22 febbraio
Le opere in mostra propongono ai visitatori una serie di scenari differenti dove viene messo in atto un processo di transizione pari a quello che subisce una sostanza, nel passaggio dallo stato solido a quello aeriforme, perdendo la propria forma definita. 
Proprio la materia allo stato gassoso è il soggetto principale del lavoro di Gioberto Noro, indagato e analizzato quale particolare simbolo di alterità e quale mezzo possibile per ridefinire le coordinate della percezione visiva.

Comunicato stampa