Teatrum Botanicum 2018

Teatrum Botanicum 2018

Venerdì 14 Settembre alle ore 18.00 inaugura Teatrum Botanicum, terza edizione del festival dedicato ad artisti e curatori emergenti la cui indagine si colloca nello spazio interstiziale tra pratiche e riflessioni artistiche ed ecologiche proprie del centro d’arte contemporanea.
Il programma del festival, orientato alle logiche della performance, si svolgerà nel corso delle giornate di venerdì e sabato, per poi concludersi domenica con il workshop condotto da Enrico Malatesta.

Nel corso delle due giornate del festival, si giocherà a stare in un territorio liminale tra la dimensione espositiva e quella performativa, a creare fratture tra l’attraversamento dello spazio tipico di una mostra e la calendarizzazione di interventi time-based, tra rimandi e slittamenti dinamici di tempi e luoghi, tra un intervento e l’altro. Le proposte degli artisti invitati verranno messe in costante relazione, ora tramite piccole stratificazioni, ora tramite meccanismi che ricordano quello della staffetta.

In scena, o sul campo da gioco, opere e interventi di: Enrico Boccioletti, Roberto Casti, Michela Depetris, Mimì Enna, Furlani-Gobbi, Sara Manente e Christophe Albertjin, Gabriele Rendina Cattani, Claudio Rocchetti, Youngboyswritinggroup.
Hotel Antropocene, press conference a cura di Federico Nejerotti e Nelle Gevers.
Achiropitismo: talk / performance / libro game, progetto a cura di ALMARE con Mauro Lanza, Andrea Valle e Renato Grieco.
Dj set di XIII e Sabla.
Vi rifocilleremo con la collaborazione di Isola Torino.
“Prima che le azalee del profondo Sud fioriscano, vengono percepite come arbusti pressochè anonimi” scrivono Wandersee e Schussler, studiosi di botanica che nel 1998 formulano la teoria della plant blindess “quando si coprono di boccioli rossi, rosa e bianchi, nessuno può ignorarle”.

 
Scarica il Comunicato stampa

 
Scarica il programma del festival

 

*Il titolo del festival è un omaggio al lavoro di Uriel Orlow, Theatrum Botanicum